Telegram

Da GolemWiki.
Versione del 16 ott 2017 alle 12:09 di Lorex (discussione | contributi) (prima stesura pagina, da aggiustare ordine ed indice, da aggiungere link bot del golem e altri esempi)
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

Cos’è? Detto in maniera molto brutale: un app di messaggistica concorrente a whatsapp. Ma rispetto a questo ha molti vantaggi, che la rendano migliore. Se volete saperne di più visitate la pagina wiki dedicata. Riassumendo “Telegram non è un app per vecchi”!

Per prima cosa è software libero, quindi almeno da lato client, ciò che installiamo sul nostro smartphone o pc ha tutti i vantaggi del free software fra cui la sicurezza di cosa fa e come lo fa. Il lato server, per adesso rimane software closed.

Rispetta la tua privacy, criptando i tuoi messaggi e chiamate e non richiedendo il numero di cell per contattare gli altri utenti. Gli utenti vengono identificati tramite un username da loro scelto. E’ perfino possibile inviare messaggi criptati punto punto con testi e allegati che si autodistruggono dopo un periodo da noi scelto.

La registrazione è veloce ed intuitiva (oltre che gratis). Si installa su tutte le piattaforme, android, mac, osx, windows Linux e web che possono essere usate anche contemporaneamente.

Permette di creare gruppi fino a 10.000 partecipanti (contro i 256 di wathsapp)e canali come twitter! Entrambe le funzioni sono facilmente gestibili e prevedono varie forme di amministrazione.

Funziona sul cloud, il chè è un vantaggio enorme per i dispositivi mobili in quanto non scaricando foto e dati sul telefono, è molto più veloce e non consuma memoria e dati mobili. Ovviamente ogni oggetto inviato si può scaricare e si può cancellare definitivamente dal cloud e si possono inviare allegati fino ad 1,5 GB (contro i 128 MB di wathsapp)!

Come tutti i software liberi è molto più divertente degli altri, infatti è stato il primo ad introdurre le gif animate con relativa ricerca su Giphy e gli stikers, ovvero gli emoji ad alta definizione. E inoltre possibile aggiungere proprie gif e propri sticker personalizzando le proprie chat.

Ha introdotto i bot, ovvero programmi che fanno cose al posto nostro in maniera molto semplice. É infatti possibile creare od installare molti di questi bot ed interagire per loro per ricevere un servizio. Ad esempio TerremotiBot ci invia entro 15 minuti un messaggio con indicato epicentro e magnitudo di un terremoto nel raggio di azione da noi impostato. TrackBot, ci permette di tener traccia delle spedizioni, basta indicargli il numero di consegna e ci avvertirà di ogni progresso fatto dal corriere fino alla consegna del pacco.

Esperienze e potenzialità

Tutte queste caratteristiche ne fanno un app talmente potente da avere infiniti usi e campi da applicazione. Pensate alla semplicità di utilizzo rispetto a wathsapp per un ente per inviare un avviso al suo pubblico. Per questo ad esempio molti comuni ed altri enti territoriali hanno iniziato ad usarlo per inviare comunicazioni ai propri cittadini eccone alcuni esempi (aggiornato al 11 ottobre 2017)


Regione Toscana https://t.me/regionetoscanaufficiale (195)

Comune di Empoli https://t.me/ComunediEmpoli (142)

Comune di San Miniato https://t.me/comunesanminiato (240)

Comune di Montelupo https://t.me/comunemontelupo (178)

Comune di Montaione https://t.me/comunemontaione (111)

Comune di Vinci https://t.me/ComunediVinci (43)

Protezione civile di Firenze https://t.me/protcivcomunefi (62)

@ViaggiaTrentoBot http://www.comune.trento.it/Comunicazione/Il-Comune-informa/Ufficio-stampa/Comunicati-stampa/Trento-Smart-City-cresce-su-Telegram-e-arrivato-ViaggiaTrentoBot

Anche la nostra associazione lo utilizza, con molto successo, per inviare avvisi sui temi delle serate e corsi, foto dell’officina informatica e degli eventi, allegati come dispense e materiali https://t.me/golem_empoli (42)

E anche il corso di laurea in pianificazione dell’università degli studi di Firenze ha un suo canale https://t.me/CdlPianificazioneEmpoli (125) come riportato nella pagina ufficiale http://www.clpctp.unifi.it/vp-176-canali-social.html