PXE

Da GolemWiki.
Versione del 18 nov 2012 alle 01:02 di $pooky Hunter (discussione | contributi) (Creata pagina con '= Cos'è il PXE = Si tratta di un metodo per eseguire il boot di un computer attraverso una connessione di rete ethernet grazie al supporto di un apposito server. = Installare U…')
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

Cos'è il PXE

Si tratta di un metodo per eseguire il boot di un computer attraverso una connessione di rete ethernet grazie al supporto di un apposito server.

Installare Ubuntu facendo boot da rete

Occorre un server con installati:

   tftpd-hpa
   dhcp3-server
# sudo apt-get install  tftpd-hpa dhcp3-server

Modifichiamo il file /etc/dhcpd.conf per configurare il server dhcpd. Nel mio caso ho messo a disposizione il range di IP da 192.168.0.100 a 192.168.0.254, qualsiasi altro range di IP privati andrà ugualmente bene (192.168.1.50-192.168.1.200, 10.0.0.1-10.0.0.254…) NB: Il parametro next-server indica il computer sul quale risiede il server tftpd, non deve essere necessariamente lo stesso del dhcpd. 192.168.0.2 è l’IP del PC che fa sia da dhcpd che da tftpd.

subnet 192.168.0.0 netmask 255.255.255.0 { range 192.168.0.100 192.168.0.254; next-server 192.168.0.2; filename "pxelinux.0"; }

Riavviamo il dhcpd /etc/init.d/dhcp3-server restart Ora occorre scaricare la directory netboot di Ubuntu dove risiedono i file del server tftpd, cioè /var/lib/tftpboot/

  1. cd /var/lib/tftpboot/
  2. lftp -c "open http://archive.ubuntu.com/ubuntu/dists/lucid/main/installer-i386/current/images/netboot/; mirror"

Et voillà, les jeux son fait. Adesso su qualsiasi PC che supporti il boot da rete potrà essere installata Ubuntu. Se il vostro PC è un po’ datato è probabile che la scheda di rete non lo supporti, in questo caso è possibile scaricare da ROM-o-matic.net immagini di floppy o cd con driver per l’installazione tramite PXE con (quasi) qualsiasi scheda di rete in commercio.

Le cose si complicano un pochino se vogliamo installare via PXE il livecd di Ubuntu (o anche una nostra live personalizzata fatta col remastersys), così da non dover riscaricare ogni volta i pacchetti da internet.

Scarichiamo l’iso che ci interessa

  1. wget -c http://releases.ubuntu.com/releases/12.10/ubuntu-12.10-desktop-i386.iso

Montiamola in loop per estrarne il contenuto

  1. mount ubuntu-12.10-desktop-i386.iso /mnt/ -o loop
  2. mkdir /var/lib/tftpboot/ubuntu
  3. cp -a /mnt/casper/ /var/lib/tftpboot/ubuntu
  4. umount /mnt

Installiamo il server nfs e condividiamo la directory dove abbiamo estratto il contenuto della ISO.

  1. sudo apt-get install nfs-kernel-server
  2. echo "/var/lib/tftpboot/ubuntu *(ro,sync,no_subtree_check)" >> /etc/exports
  3. /etc/init.d/nfs-kernel-server restart

Editiamo il boot-screen dell’installer di Ubuntu per permettere l’installazione anche della live.

  1. nano /var/lib/tftpboot/ubuntu-installer/i386/boot-screens/text.cfg

default install

label Ubuntu 12.10 livecd menu label ^Ubuntu-Live 12.10 kernel /ubuntu/casper/vmlinuz append initrd=/ubuntu/casper/initrd.gz boot=casper netboot=nfs nfsroot=192.168.0.2:/var/lib/tftpboot/ubuntu quiet splash locale=it_IT bootkbd=it console-setup/layoutcode=it -- only-ubiquity

label install menu label ^Install menu default kernel ubuntu-installer/i386/linux append vga=normal initrd=ubuntu-installer/i386/initrd.gz -- quiet

label cli menu label ^Command-line install kernel ubuntu-installer/i386/linux append tasks=standard pkgsel/language-pack-patterns= pkgsel/install-language-support=false vga=normal initrd=ubuntu-installer/i386/initrd.gz -- quiet