Motion

Da GolemWiki.
Versione del 15 apr 2017 alle 19:53 di Giulio (discussione | contributi) (Creata pagina con '<code>motion</code> è un software libero per realizzare piccoli sistemi di videosorveglianza casalinghi facendo uso di una o più webcam. Oltre alla possibilità di collegars...')
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

motion è un software libero per realizzare piccoli sistemi di videosorveglianza casalinghi facendo uso di una o più webcam. Oltre alla possibilità di collegarsi da remoto, motion può rilevare movimenti sospetti e salvare su disco sia istantanee che video, permettendo una successiva analisi, o addirittura inviare mail o messaggi.

motion è al momento in testing nella nostra Officina Informatica!

Installazione ed esecuzione di base

# apt-get install motion
# pacman -S motion

Il programma è già utilizzabile con il file di configurazione di default, a patto di lanciarlo da root (sconsigliato, se non per fare qualche test iniziale).

Innanzitutto bisogna conoscere qual è il nome del device webcam

$ ls /dev/video*

Se il precedente comando non dovesse mostrare alcun device, potrebbe esserci qualche problema. Il device preimpostato in motion è /dev/video0, ma è possibile cambiarlo dal file /etc/motion/motion.conf alla riga videodevice.

# motion

Per vederlo funzionare non c'è nient'altro da configurare, motion autoavvierà un webserver che risponde alla porta :8081. Ci si può collegare digitando sul proprio browser

http://127.0.0.1:8081

Per motivi di sicurezza l'accesso è autorizzato solo dal computer su cui gira motion.

Configurazione

Di seguito viene illustrato come configurare motion per essere lanciato da utente non amministratore.

Cartelle e privilegi

All'installazione viene creata la coppia utente/gruppo motion. È opportuno marchiare files e directory di lavoro come accessibili e scrivibili dal suddetto gruppo.

  • Aggiunta al gruppo motion
# usermod -a -G motion utente
  • File di log - di default il log viene dato nella shell. È preferibile salvare eventuali messaggi di errore ed altre informazioni.
# touch /var/log/motion.log
# chown :motion /var/log/motion.log
# chmod g+w /var/log/motion.log

Editare il file /etc/motion/motion.conf, decommentando la riga ;logfile (il punto e virgola e il cancelletto denotano i commenti) ed impostando il precedente file di log:

logfile /var/log/motion.log
  • File di lock - quando avviato, motion crea un file che indica che è stato preso il controllo della webcam ed evita conflitti con altre eventuali istanze dello stesso programma.
# mkdir -p /var/run/motion
# chown -R :motion motion
# chmod -R g+w motion
  • Archivio immagini - deve essere predisposta una cartella scrivibile dove salvare le immagini e le registrazioni. In questo caso si è scelta una sottocartella nella home (si noti che i comandi che seguono sono dati come utente non privilegiato):
$ cd ~
$ mkdir motion

Anche questa cartella deve essere specificata nel file di configurazione, alla riga target_dir:

target_dir /home/utente/motion


Altre configurazioni importanti

  • Accesso dall'esterno: questo parametro è on per default, dunque la webcam è inaccessibile da altri computer, anche se nella stessa rete del pc server. Una volta terminati gli esperimenti si può commutarlo ad off
stream_localhost off
  • Avviare l'applicazione come demone in background (rimane attiva anche se si fa il logout). Ovviamente al riavvio l'applicazione deve essere ri-eseguita manualmente
daemon on


  • Numero di immagini al secondo da catturare (framerate). È richiesto non scendere sotto 2fps. Da calibrare a seconda della velocità della propria rete.
framerate 2
  • Autenticazione: richiedere una password per vedere la webcam. Qui intervengono due parametri:
# 0 = no password
# 1 = autenticazione di base
stream_auth_method 1
# utente:password
stream_authentication golem:golem