Differenze tra le versioni di "Indipendenza digitale"

Da GolemWiki.
m (Self hosting)
m (Self hosting)
 
Riga 33: Riga 33:
 
* scarsa affidabilità di servizio: blackout, disservizi internet;
 
* scarsa affidabilità di servizio: blackout, disservizi internet;
 
* impegno nel mantenimento dei software aggiornato, per evitare '''falle''' di sicurezza.
 
* impegno nel mantenimento dei software aggiornato, per evitare '''falle''' di sicurezza.
* problemi di '''spam''' nel caso di hosting email e
+
* problemi di '''spam''' nel caso di hosting email

Versione attuale delle 23:46, 26 mag 2020

Che significa indipendenza digitale? Come posso riappropriarmi della mia libertà digitale e dei miei dati?

Il Web

...

Computer fisso e portatile

Iniziare un passo alla volta con l'utilizzo di programmi liberi e/o open source sul sistema attualmente in uso, in sostituzione a quelli proprietari:

  • Browser: Mozilla Firefox, con plugin utili opzionali.
  • Suite Office: Libre Office
  • Client di posta: Mozilla Thunderbird, con plugin per gestire calendario, e firma digitale!
  • Gimp: editor immagini raster e fotoritocco

Sul nostro opuscolo sono elencate varie applicazioni di uso comune, sia per PC che per smartphone/tablet.

Smartphone e tablet

Si può iniziare in modo analogo al PC usando applicazioni FOSS, consultabili sul catalogo F-Droid, uno store di applicazioni alternativo a quelli proprietari. Alcuni esempi sono:

  • Firefox
  • DAVx5, per sincronizzare calendario e contatti tramite protocollo DAV
  • OSMand, mappa e navigatore basato su OpenStreetMap

Altre applicazioni consigliate sono riportate nell'opuscolo.

Il passaggio finale è migrare anche il sistema operativo. Quello libero più diffuso è Lineage OS, costruito sulla versione base di Android (privo di tutte le aggiunte proprietarie dei vari produttori).

Cloud personale, la nuvola

Una volta resi liberi i propri dispositivi, è necessario trovare anche una soluzione libera e sicura anche per il cloud, per archiviare dati, sincronizzare contatti/calendario, etc... Il software libero più utilizzato è Nextcloud, che racchiude tutti questi servizi.

Self hosting

La soluzione estrema, per avere la privacy assoluta sui propri dati, è l'hosting casalingo, installando i vari servizi su una macchina propria: PC generico, server, minicomputer (Raspberry, Olinuxino).

Tuttavia porta con sé molti inconvenienti:

  • difficoltà tecniche nell'installare il sistema hardware e software;
  • scarsa affidabilità di servizio: blackout, disservizi internet;
  • impegno nel mantenimento dei software aggiornato, per evitare falle di sicurezza.
  • problemi di spam nel caso di hosting email